16.11.12

#8 ...del viaggio parte seconda

In questo momento solo le persone mi attraggono. 
Sono dei mondi sconosciuti siti in galassie remote tutte da esplorare.
L'ho affermato qualche giorno fa (QUI) riflettendo sulle diverse forme del viaggiare.
Se scorro alcune delle foto che ho scattato in questi ultimi anni mi rendo conto che è sempre uno sguardo ad altezza d'uomo quello che cerco di mantenere ormai. 
Alle volte mi piacerebbe essere un angelo di Wenders (anche solo per un'ora) farmi invisibile ed ascoltarne le storie.
Ad esempio, a cosa stava lavorando la ragazza che se ne stava appollaiata sul davanzale d'una finestra
 - in pigiama, a Novembre (brrrr), in una via centralissima e superturistica - di Edimburgo (accadeva il 4 novembre 2012)?

                                                               




...e chissà a cosa stava pensando lui che sembra piovuto dagli anni '70 (o forse era un chitarrista famosissimo che, nella mia infinita ignoranza, non ho riconosciuto?)


Denmark Street, London ( agosto 2010)



...e la sua mamma gli avrà comprato le caramelle (o, più semplicemente, una volta a casa, si sarà ricordata d'averlo parcheggiato lì ;P?)?



...e loro? Alla fine si saranno decisi a pranzar lì?


Londra (presso Covent Garden, agosto 2010)


...e questa signora che accortasi di me è quasi scappata, in quante(e quali) lingue m'avrà mandato a quel paese ;P?



...e loro?
Saranno degli hoodies ora (impossibile è passato poco tempo questa foto risale a 4 mesi fa :))?




...e tutti quelli che si godevano il sole in quell'assolato pomeriggio londinese del 2010?
Sembravano tutti felici...
E quel bimbo che sonnecchiava fra le braccia di mammà come sarà diventato?



...scopriremo che trattavasi d'un genio solo dopo la sua morte?



...e lei? Cosa stava sognando ad occhi aperti lei?



...e, per finire, chissà se e in quali lingue, m'avrà mandato a quel paese questo tizio qua ;P?



A presto!
Cat


#7 LIKE AN ISLAND (frammenti di un giorno perfetto)


Cramond Island is connected to the shore by a one mile log (1.5 km) walkway which is covered at high tide.
So Cramond is only a true island for a few hours at time!
...Just few hours at time...just like me.
It sounds so familiar…


Ci sono momenti (come questo) che mi sento esattamente come quest'isoletta


:
a tratti inaccessibile, a tratti distante, a tratti tagliata fuori e inabitata.





Anyway
Cramond è un grazioso borgo marinaro che dista solo 20 minuti dal centro di Edinburgo (by bus). 
Merita davvero una visita.
Vi ho trascorso un pomeriggio intero aspettando che il sole venisse giù.


Bus(n. 41)from Waverley Bridge, Edinburgh.
Info sugli autobus: lothianbuses.com


Tutto un pomeriggio degno coronamento di un giorno perfetto...

Just a perfect day drink Sangria in the park
And then later when it gets dark, we go home
Just a perfect day feed animals in the zoo 
Then later a movie, too, and then home 

Oh, it's such a perfect day I'm glad I spend it with you


Oh, such a perfect day 

You just keep me hanging on 
                 
You just keep me hanging on 

Just a perfect day 
problems all left alone 


                      Weekenders on our own 


it's such fun



Psssss: in Gran Bretagna esisterebbero 43 isolette  (17 delle quali in Scozia)raggiungibili dalla terraferma durante la bassa marea...mmmh che sia l'inizio di un nuovo itinerario di viaggio?
Who knows?

9.11.12

#6 ...del viaggio



Dietro a un miraggio c'è sempre un miraggio da considerare, come del resto alla fine di un viaggio c'è sempre un viaggio da ricominciare. Bella ragazza, begli occhi e bel cuore, bello sguardo da incrociare, sarebbe bello una sera doverti riaccompagnare. 
Accompagnarti per certi angoli del presente, che fortunatamente diventeranno curve nella memoria. Quando domani ci accorgeremo che non ritorna mai più niente, ma finalmente accetteremo il fatto come una vittoria.

Quanti modi di viaggiare esisteranno?
Si viaggia per ritrovarsi.
Si viaggia per appagare la propria curiosità con l'espressione di un bambino che se ne sta col naso appiccicato al finestrino.
Si visitano città, monumenti e chiese.
Ci si imbatte in paesaggi mai visti prima.
E s'inciampa inevitabilmente nelle persone prima o poi.
Ecco in questo momento della mia vita le persone, gli sguardi da incrociare, i mondi che si portano dietro, sono le uniche cose che vorrei esplorare: le mie mete di viaggio.
Ieri m'hanno chiesto che cosa mi sarebbe piaciuto visitare della Scozia e se avessi dei piani in merito...avrei voluto rispondere LE PERSONE e LE LORO STORIE, ma ACCIDENTI mi sembrava ridicolo ed ho taciuto.

Perciò pedala, pedala che il tempo potrebbe passare, e questa pioggia paradossalmente potrebbe non finire mai. E noi con questo ombrelluccio bucato che ci potremmo inventare? Ma partiamo, partiamo, non vedi che siamo partiti già? 


#5 Giù al nord (in salsa inglese)



L'Italia rovesciata
luciano fabro (1968)



Perché trovo la gente del North tanto amichevole? 
Semplice, sono considerati i "terroni" di Gran Bretagna.
In pratica è come se fossi tornata a casa (senza il sole però).
In questa nazione tutto è rovesciato, sul lato "sbagliato" (come cantava Caparezza - a ragione :) - inglesi, guideranno sempre dal lato sbagliato, per questo chi va a Londra so che torna un po' cambiato)
anche i pregiudizi e gli stereotipi.
Così può capitare d'imbattersi in un articolo intitolato:
Southern snobs never visit northern England
e ritrovarsi a leggere cose disorientanti come queste:
Southerners believe the north is "bleak and unsophisticated".
They imagine the north is awash with chip shops and made up mainly of mining villages.
Per farsi un'idea di come siano visti gli scozzesi poi, vi rimando ad una puntata di una serie divertentissima intitolata Black Adder (min 11.35 per esser precisi). 
Si capisce tutto anche senza sottotitoli.
Meglio di mille parole ;P


A presto!
Cat

8.11.12

#4 priceless...


...guardarsi Shining in questo posto 


 sapendo che te ne andrai a dormire qua




 All work and no play makes Jack a dull boy All work and no play makes Jack a dull boy All work and no play makes Jack a dull boy All work and no play makes Jack a dull boy All work and no play makes Jack a dull boy All work and no play makes Jack a dull boy All work and no play makes Jack a dull boy


 All work and no play makes Jack a dull boy
              All work and no play makes Jack a dull boy



All work and no play makes Jack a dull boy
All work and no play makes Jack a dull boy

Cat

7.11.12

#3 The egg and I


The egg and I, 1947
E' buffo tutte le volte che in fattoria mi sono resa ridicola facendo una sciocchezza ho pensato a questo film. 
The egg and I, una commedia divertentissima che ruota attorno alle vicissitudini di una donna costretta a trasferirsi in campagna (e a lasciare New York) per seguire un bizzarro sogno del marito. Quale? Quello di vivere -UDITE UDITE- allevando galline (roba da divorzio).
Chissà se gli sceneggiatori di Sex and the City si sono ispirati a questa pellicola per l'episodio Sex and the Country (che citavo in I am game). 
Quali e quante sciocchezze? Impossibile ricordarle tutte.
Ero un oggetto insolito...a pensarci bene dovevo apparire come il rinoceronte di Pietro Longhi!


Tanto per cominciare sono stata quasi incornata da una capra a cui gli estranei non erano affatto graditi. 
La verità è che gli anni '80 c'hanno rovinati: Heidi non esiste e le caprette non "fanno ciao"! 
Not at all! 
Quest'esperienza ha spazzato via la visione popbucolica che avevo della campagna...
Ricordate i teneri porcellini disneyani(o il più recente Babe?)? 
Invenzioni! 
Quelli veri puzzano, sbavano, emettono suoni sgradevoli e sono ossessionati dal cibo.
Orwell aveva ragione!
Mangerebbero pure voi se potessero!
Una sera ho sorpreso sei grossi, grassi maiali che razzolavano felici nell'orto. 
Evasi chissà come dal loro recinto non gli pareva vero d'essere lì.
Se provavo ad avvicinarmi davano l'impressione di volermi caricare.
Panico.
Aspetto soccorsi e, una volta arrivato, il direttore mi spiega che l'unico modo per radunarli tutti in un sol colpo era sventolargli sotto al naso un secchio ricolmo di cibo (maiali...c.v.d.). Cosa che ha fatto.
Incredibile, ma vero l'hanno seguito! 
Avete presente le ochette di Lorenz?


Ipnotizzati dal cibo l'hanno seguito sino al recinto, sino a quando, dovendo aprirlo, non m'ha passato quel maledetto secchio...dovevo solo agitarlo ha detto. 
Facile a dirsi...ma erano sei, erano grossi, erano grassi, sbavanti e pigiavano. 
Potevo avvertire la loro fame...e ...vabbè la verità è che dovevo essere molto buffa spalmata com'ero sullo steccato. 
Per finire comprendo perfettamente la protagonista di The egg and I: neppure io sapevo raccogliere le uova! 
Andatevi a vedere la sequenza intitolata Collecting eggs (LA TROVATE QUA).
Ma tutto questo accadeva nello Yorkshire un mese fa. 
Oggi sono in Scozia alle prese con una stufa a legna.  
Come caspita si attizzerà il fuoco? 
Altro che "spoken English", quello che mi serve davvero è un corso di sopravvivenza. 
A presto.
Cat



31.10.12

#2 UN PO' DI DRITTE&INFO. (hai capito 'sti Inglesi ;-P)


La frustrazione m'ha spinta a rimettermi in cammino.
Uscire dal guscio, mettersi in difficoltà, costringersi a parlare, fuggire dalle frotte di connazionali che hanno invaso Londra…ok, ma come?
Beh…internet è la mia personale scatola delle meraviglie, una sorta di baule della nonna dove si trova sempre qualcosa di utile.
Lo scorso inverno,infatti, cercando delle comunità che accogliessero volontari, sono capitata su un forum in cui si menzionava questo sito: workaway.
E dopo workaway ne ho scoperti altri due: wwoof e xhelp.
Mi si è aperto un mondo!
Quello dei viaggi lowcost.
Lavoro in cambio di vitto e alloggio (a volte anche di una piccola paga).
Attenzione, non si tratta di sfruttamento, ma di uno scambio.
Lo dico alla luce dell'esperienza che sto vivendo non per sentito dire.
Si possono scegliere comunità, organizzazioni che lavorano con minori a rischio, ostelli, fattorie, ecc…
Questi siti fanno in modo che domanda e offerta possano incontrarsi.
Ci si iscrive (nel caso di xhelp e wwoof si paga una quota associativa che ti da il diritto di usare il servizio per due anni), si crea il proprio profilo, si sceglie una nazione e si spulcia la lista degli hosts.
Per orientarsi si possono leggere i commenti delle persone che hanno lavorato nello stesso posto e, volendo, si possono anche contattare.
Se si viaggia da soli poi è possibile cercare compagni di viaggio. Insomma funzionano e sono molto popolari.
WWOOF è un acronimo che sta ad indicare:
World-Wide Opportunities on Organic Farms per cui le opportunità che offre sono esclusivamente in ambito agricolo.
WORKAWAY e XHELP, invece, offrono un range di opportunità più ampio: non solo agricoltura dunque.
Io li ho consultati tutti e tre trovandoli utilissimi.
WWOOF è stato creato nel '72 da Sue Coppard e tutto è iniziato da un annuncio su un giornale.
E già allora internet non esisteva!
Ma internet ha fatto sì che WWOOF esplodesse a livello mondiale(basta consultare la lista dei paesi aderenti per capire quanto sia diffuso).
Anche XHELP è un'invenzione tutta inglese (hai capito 'sti Inglesi ;-P).
E' stato creato nel 2001 da Rob Prince viaggiatore incallito.
Dell'origine di workaway purtroppo non so ancora nulla.
Per approfondimenti vi rimando ai link delle organizzazioni:
http://www.wwoof.org/
Se li avessi conosciuti prima certamente avrei iniziato la mia avventura inglese e con l'Inglese ( :-) ) partendo da qui per poi magari approdare a Londra (però…non avrei avuto la possibilità di incontrate le persone meravigliose che hanno arricchito la mia vita).
Se è vostra intenzione partire, qualunque sia la ragione che vi spinge a farlo, anche se fosse solo per una breve vacanza vi consiglio un'esperienza come questa.
Se, invece, è una nuova vita quella che intendete costruire, tenete presente che in Gran Bretagna il volontariato è qualcosa che arricchisce il proprio CV.
Diversamente dall'Italia viene considerata un'esperienza di lavoro a tutti gli effetti utile ad ampliare ed arricchire le proprie competenze.
Inoltre è vantaggioso presentarsi con un curriculum in cui siano già elencate delle esperienze di lavoro nel paese.
Altro particolare da non trascurare: le referenze.
Personalmente, potendo tornare indietro, partirei da qui.
BUON VIAGGIO!
Cat

*

Add to Technorati Favorites