11.12.09

KidZdream: il mondo visto attraverso i sogni dei bambini

Leggo sul sito di repubblica.it della nascita di un affascinante progetto: la raccolta nel portale www.kidzdream.org dei racconti che i bimbi di tutto il mondo fanno dei loro sogni. L'iniziativa è appena partita e per ora raccoglie testimonianze dei bambini Italiani (Napoli, Roma, Venezia), Senegalesi (Mbour) e Spagnoli (Barcelona).

Da vedere!

Riporto dal sito citato...

by Daniele


Premesse
Le esperienze di Dinamo Italia con la RAI e con organizzazioni internazionali quali UNICEF e ONU e con WWF Italia nella realizzazione di news realizzate con i bambini come piccoli giornalisti (Neonews, TG minimo, La liberazione dei cortili, Snow news ecc.) e spot sociali realizzati sempre con i bambini come interpreti, ci hanno insegnato due cose fondamentali:

1) La forza e la sintesi delle cose raccontate dai bambini davanti ad una telecamera. Le parole e il modo di formulare i loro pensieri, le espressioni del viso, i gesti, forniscono una comunicazione unica, irripetibile e «bambinesca». Questo, però, a condizione che i bimbi si sentano a loro agio, al di fuori cioè da ogni sovrastruttura culturale e formale imposta dalla scuola, dai genitori o dalle stesse strutture dei media.

2) Le idee «vere» dei bambini sono un antidoto unico contro le stereotipie e banalità proprie dei media a grande diffusione.
Tali idee, anche quando ripetono gli stereotipi del mondo degli adulti, lo fanno con un inconscio e inevitabile distacco ironico, un'onestà spontanea che crea una distanza e un sano specchio deformante rispetto ai contenuti.



I bimbi e l'arte di raccontare i sogni
Da esperienze sul campo, come spesso capita, avevamo notato che quando ai bimbi chiedevamo di raccontare un «loro sogno onirico», quello che si ricordavano meglio o che era loro piaciuto di più, si apriva un canale di comunicazione molto particolare.

I bambini - in età tra i 6 e i 12 anni - raccontano molto volentieri i loro sogni che ricordano con grande dovizia di particolari. Ma non solo, parlano in modo più forbito di quanto facciano normalmente e delineano racconti e situazioni complesse in modo chiaro e, per quanto possibile con materiali onirici, esaustivo.

Da qui l'idea di trovare un modo per far raccontare ai bimbi il loro sogni. Però la televisione non ci pareva in questo caso il mezzo più adatto e quindi il progetto è rimasto «stand by» fino a che si è arrivati ad una possibilità di comunicare tali sogni attraverso WEB.

Un progetto Web 0/12 per una banca online dei sogni dei bambini

Da Artefacta a KidZdream
Dall'esperienza da noi maturata con il format multimediale on line ARTEFACTA basato appunto su mappe stile Google e menu di piccoli film di 90-120 secondi nasce KidZdream.
L'idea di realizzare un contenitore, una banca dei sogni dei bambini, trova una sua adeguata realizzazione su Internet.

La preparazione
Ai bimbi viene chiesto di concentrarsi sul sogno che ricordano meglio o preferiscono.
Viene anche richiesto di pensare ai dettagli: i luoghi, i colori, le persone, ecc.
Alla fine si propone loro di fare un disegno del sogno.


Dreamboxes
In modo molto semplice vengono realizzate delle riprese, tipo video box dei sogni.
Camera fissa, spesso con dietro la lavagna.
Risultato una serie di piccole interviste-racconto di 60-120 secondi. In esse i bambini con parole loro e con la propria gestualità raccontano il loro sogno: quello preferito, quello più pauroso o quello che ricordano meglio.
Alla fine mostrano e spiegano le immagini del loro disegno.


Il sito
Il contenitore è un sito Web secondo il format Artefacta cioè composto solo di mappe e di piccoli film con i sogni dei bambini.
Si parte da una mappa del mondo e si pongono degli indici nelle varie città dove i bambini hanno raccontato i loro sogni.
Il processo si evolve fino ad avere in prospettiva moltissimi luoghi del mondo visti attraverso i sogni dei bimbi.

Lingue e sottotitoli
I sogni verranno sempre raccontati nella lingua madre perché non perdano di freschezza e spontaneità. È infatti essenziale che i bambini si sentano completamentea loro agio e possano raccontare il sogno nei loro modi: con le parole, le smorfie, gli ammiccamenti, i sorrisi e gli irripetibili movimenti delle mani e del corpo. Nel sito verranno quindi inseriti sottotitoli in varie lingue per rendere comprensibile a tutti il racconto, lasciando però inalterata la forza comunicativa originale.

La redazione: filtro attivo e costante
Nessun accesso diretto o blog o altre forme aperte di social network sono previste o ammesse per questo sito. Tutto arriva ad una redazione di esperti che decide e valuta le opportunità di messa in onda.

8.12.09

BUT IS IT ART?! - One&Other (from London...) #2



One&Other (from London...) è stato

il primo post che ho scritto dopo il mio ritorno.

One&Other si è concluso il 14 ottobre.




Per 100 giorni il live artwork di Antony Gormley ha portato sul Fourth Plinth di Trafalgar Square oltre 2400 persone.

Una dopo l'altra, un'ora dopo l'altra, h24 con la pioggia, col vento o col sole, per 100 giorni di seguito.


Naturalmente quest'intervento "vivo" sul e nel tessuto vivo della città è stato accompagnato da apprezzamenti e da molte polemiche: c'è chi sostiene che abbia portato una ventata di novità e chi, invece, che One&Other abbia mostrato solo gente alla disperata ricerca di attenzione.
E' vero, si sono avvicendati i personaggi più disparati (anche "strampalati"...): c'è stato chi ha promosso un ente benefico, chi ha recitato, chi ha ballato, ecc...



Ma, da che vi ho messo piede, il richiamo della piazza è stato irresistibile: sia al mattino, prima che iniziasse la giornata, che alla sera, prima di rincasare, dovevo passare dal Fourth Plinth...è stato il mio piccolo rito scaramantico ed il modo meraviglioso in cui la città m'ha accolta.
Così credo sia inutile chiedersi se questa sia arte perché, per quel che mi riguarda, Gormley il suo obiettivo l'ha raggiunto!

BOO!

by Cat

“… It has changed my life and that of many others… Who can be represented in art? How can we make it? How can we experience it? These are questions that have exercised me for years. Whether you see the plinth as a protest or pole-dance platform; studio or stocks; playpen or pulpit; as a frame for interrogation or for meditation, it has provided an open space of possibility for many to test their sense of self and how they might communicate this to a wider world”.
Antony Gormley

2.12.09

The man in a van project (In che modo la crisi ha influito sulla tua vita? Raccontalo qui )

"Facevo il direttore in un negozio di quadri dove lavoravo da sei anni, quando mi hanno licenziato.
Ero disperato e non trovavo lavoro.
Così quando ho sentito parlare dell’ArtPrize, un concorso Usa per artisti emergenti con premio di 250mila dollari, ho avuto una folgorazione: dovevo andare nei luoghi colpiti dalla recessione e raccogliere le storie.
Sulla fiancata del mio van ho scritto: - In che modo la crisi ha influito sulla tua vita?
Raccontalo qui -".

"E sono partito con destinazione finale Grand Rapids in Michigan, sede del concorso".

Aaron Heideman


67 giorni, 20 stati, 37 città*, 12mila miglia percorse, 10mila persone, blog, webpage, twitter, flickr...tutto per raccogliere, raccontare e, soprattutto, condividere delle storie.


Tell me your story!



Aaron, 29 anni, ha trasformato l'unica proprietà rimastagli -il suo furgoncino- in un' opera d'arte collettiva, itinerante e in divenire.

Ho pensato a lungo a questa storia...quello che m'ha colpita, ciò che mi colpisce ancora, è (fuor di retorica)la capacità di trasformare creativamente una disgrazia in un'opportunità.
E mi sono vergognata di me stessa.

What do you do?

Aaron non s'è pianto addosso e non s'è fermato anzi, ha investito il poco denaro rimastogli in carburante e s'è messo in moto, in viaggio.

Ha vissuto nel suo furgone, ha mangiato quel che capitava, si è finanziato attraverso la vendita di magliette e le donazioni.

Ma, soprattutto, non s'è tenuto la frustrazione e la disperazione per sé, ha condiviso la sua storia, invitando gli altri a condividere la propria mettendo a loro disposizione un rotolo di carta e la carrozzeria del furgoncino.


E' come se si fosse trasformato in un cantastorie creando spazi, tempi e occasioni per il dialogo e la condivisione.





Quel che emerge dalla fine del suo viaggio non è solo un racconto a più voci o una sorta di indagine sociologica sugli effetti della crisi, ma un esorcismo collettivo lungo 45 metri(esorcismo che avviene quando ci si siede in cerchio e si racConta)...tanto è lungo il rotolo su cui le persone che ha incontrato sono state invitate a lasciare la propria testimonianza.

Alla fine l'ArtPrize non l'ha vinto, ma il suo progetto continua.

Scrive sul suo sito:

"Non è finita fino a quando queste storie vengono raccontate ad un pubblico di massa (...). Ho intenzione di scrivere un libro ora, mi auguro solo che farà giustizia a tutte le cose che ho imparato lungo il cammino".
by Cat

Se volete sostenerlo clikkate qui: themaninavanproject.com

PhotS: flickr.com

P.S. Personalmente mi ricorda The 1000 Journals project di cui ho scritto qui e qui


* le 37 città

July 1, 2009 Eugene, OR
July 2, 2009 Portland, OR
July 3, 2009 Bend, OR
July 4, 2009 Ashland, OR
July 5, 2009 Sacramento, CA
July 6, 2009 Fresno, CA
July 7, 2009 Bakersfield, CA
July 9-11, 2009 Los Angeles, CA
July 12, 2009 Riverside, CA
July 14, 2009 Las Vegas, NV
July 16, 2009 Phoenix, AZ
July 19, 2009 Denver, CO
July 26, 2009 Austin, TX
July 30, 2009 New Orleans, LA
August 1, 2009 Nashville, TN
August 3, 2009 Atlanta, GA
August 5, 2009 Orlando, FL
August 6, 2009 Sarasota, FL
August 7, 2009 Fort Lauderdale, FL
August 8, 2009 Palm Beach, FL
August 10, 2009 Jacksonville, FL
August 12, 2009 Columbia, SC
August 13, 2009 Charlotte, NC
August 15, 2009 Washington DC
August 17, 2009 New York, NY
August 18, 2009 Providence, RI
August 21, 2009 Flint, MI
August 30, 2009 Ithaca, NY
September 2 Harrisburg, PA
September 4 Alliance, OH
September 6 Elkhart, IN
September 7 Chicago, IL
September 10 Detroit, MI
September 12 Ann Arbor, MI
September 13 Saginaw, MI
September 14 Lansing, MI
September 15 Grand Rapids, MI

20.11.09


“Uno dei momenti più importanti della nostra vita è quando incontriamo una mente che ci sconcerta”
R. W. Emerson

9.11.09

Strange maps (dal mio Internazionale delle meraviglie...sempre)


E' passato un anno da quando segnalavo un sito straordinario dedicato alle mappe e agli itinerari di ogni tipo (per rileggere il post cliccate qua), ma Internazionale non finisce mai di stupirmi...

L’isola che non c’era, ora c’è
Sul sito
Strange maps si trovano migliaia di cartine che definire tematiche è riduttivo.

Mappe storiche (una rivisitazione di Londra dell’ottocento, le vacanze di Roosevelt), bibliche (la Terra dopo il diluvio universale), immaginifiche (un’Europa dalla forma rivista e corretta, Atlantide, il profilo canino di alcune città), mappe realizzate su pergamene, tappeti e corpi umani.

L’ultimo post ricostruisce graficamente due saghe letterarie decisamente intricate: Il signore degli anelli e Guerre stellari. Personaggi, incontri, separazioni, battaglie, compongono un’inedita flow chart e insieme a una cartina della
Terra di mezzo fanno da supporto visivo alla la trilogia più popolare del mondo.
Fonte: Internazionale.it

24.10.09

Mafalda Vs Silvio (dal mio Internazionale delle meraviglie)

Mafalda contro il machismo di Berlusconi
“Sono arrivate a quota centomila le donne che criticano il machismo di Silvio Berlusconi.
Ha aderito all’appello del quotidiano la Repubblica anche una giovane donna argentina, che ha fatto parecchio scalpore”, scrive il quotidiano argentino Clarín. “Anche Mafalda, il personaggio dei fumetti di Quino, dice: ‘Non sono una donna a sua disposizione’. Quino ha mandato l’illustrazione alla Repubblica per una protesta che è diventata un caso internazionale”.


L’Economist, invece, torna a parlare delle vicende giudiziarie del premier italiano Silvio Berlusconi. “Dopo la sentenza della corte costituzionale che boccia il lodo Alfano Silvio Berlusconi è andato su tutte le furie. Ma ora, sbollita la rabbia, sta cercando di recuperare lo svantaggio. E ha dichiarato che bisogna prendere il toro per le corna e riformare la costituzione”, scrive il settimanale. “Sono due le ragioni per cui vorrebbe intervenire sulla carta costituzionale: la prima è recuperare l’immunità dai processi, l’altra è estendere l’influenza dell’esecutivo sulla magistratura”.

23.10.09

...oggi piove

illustrazione di fridainnamorata (Daniela Tieni)

11.10.09

update


«Essere buoni con chi non ti ha caro richiede non solo molta benevolenza ma anche molto tatto.»
Ludwig Wittgenstein

photo by Geomangio/Fabiana

5.10.09

...solo un anno fa...

...m'illudevo che per qualcuno le parole avessero acquisito finalmente peso e sostanza.
La luce calda di queste foto odora ancora di fiducia...fiducia mal riposta...e sia, fa parte del viaggio...

... e sia,
"Di ciò di cui non si può parlare si deve tacere". Wittgenstein
Vale soprattutto per la stupidità umana.

photo trovata in rete

23.9.09

One&Other (from London...)


sono tornata da Londra da qualche giorno e solo ora mi rendo conto che il mese che vi ho trascorso è letteralmente volato...
Ne scriverò più in là, per ora segnalo a chiunque fosse in procinto di partire quest'iniziativa: One&Other
Se passando da Trafalgar Square doveste vedere una persona intenta a fare qualunque cosa sul quarto "plinto" non stupitevi perché siete a Londra e state assistendo ad una singolare performance.
Buon viaggio!
by Cat

The Fourth Plinth, "il lettino vuoto", progettato e costruito nel 1841, secondo i piani di Sir Charles Barry avrebbe dovuto ospitare una statua equestre, ma causa la carenza di fondi, la statua non venne mai realizzata e il "plinto", la base, lo zoccolo è rimasto vuoto.
Per fortuna...perchè da un decennio ospita delle installazioni temporanee!
Sino al 14 ottobre potrete assistere a One&Other

(la freccia rossa indica il Fourth Plinth)


CHE ROBA E'?!!!
E' un'opera dell'artista Antony Gormley.

“Every hour, 24 hours a day, for 100 days without a break, a different person will make the Plinth their own.”

Antony Gormley on the Fourth Plinth from One & Other on Vimeo.

Un monumento fatto dalle persone, dunque, che vuole essere la "risposta postmoderna" alla serie di statue dedicate agli eroi deceduti dell'Impero quali l'Ammiraglio Nelson e re Giorgio IV che se ne stanno tranquilli a pochi metri sui rispettivi piedistalli.A partire dal 6 luglio per 100 giorni consecutivi alcuni fortunati hanno ottenuto la possibilità di avere a disposizione 1 ora di tempo, per appropriarsi di questo spazio e fare tutto ciò che gli passa per la mente.

Info:

Sul sito (One&Other) si possono vedere in tempo reale le performance, ovviamente commentarle, vedere i profili delle persone che sono state selezionate e addirittura votare e supportare i performers preferiti.


Su skyARTS poi si possono vedere tutti i video

27.8.09

...su Londra (impressioni)

Niccolo Fabi (ascoltatevelo qui)
Mettere Le Ali
Una casa di vetro lungo il fiume o di notte
dietro a un cannocchiale
in ginocchio in un confessionale o tra le gambe dell'amata ad ansimare
non c'è un posto migliore in cui sognare
il sogno è un altro modo in cui guardare
qualunque terra si può fare mare
non c'è un posto migliore in cui sognare
così insegniamo agli elefanti a mettere le ali
insegniamo ai parlamenti a mettere le ali
insegniamo ai comandanti a mettere le ali
Non è mai troppo tardi
Non si è mai troppo vecchi
una scuola e una cabina elettorale
con la penna in mano prima di votare
davanti a un giudice in un tribunale
su una barca in fuga in mezzo al mare
non c'è un posto migliore in cui sognare
il sogno è un altro mondo in cui guardare
qualunque terra si può fare mare
non c'è un posto migliore in cui sognare
così insegniamo ai più pesanti a mettere le ali
ricordiamo ai parlamenti di mettere le ali
invitiamo gli insegnanti a mettere le ali
non è mai troppo tardi
non si è mai troppo vecchi
per insegnare agli elefanti a mettere le ali
per ricordare ai musicanti di mettere le ali
per invitare tutti quanti a mettersi le ali

17.8.09

"quando decido di voler stare bene"...

...parto, mi metto in moto, viaggio.
A presto!
Cat

illustrazione di fridainnamorata (Daniela Tieni)

Un consiglio: visitate il blog di fridainnamorata

15.8.09

photo by MAGNUM/Elliott Erwitt


Le abitudini all’inizio sono fili di seta
poi diventano funi.


Antico proverbio

Patrick Chappatte, un fumettista in giro per il mondo

Sapete cos'é il graphic journalism?
Per saperlo date un'occhiata al sito di Patrick Chappatte, un disegnatore-fumettista che pubblica le sue vignette su Le Temps, l’International Herald Tribune e la Neue Zürcher Zeitung.
Chappatte ha anche pubblicato, su Le Temps e sul suo sito, alcune tavole di graphic journalism dal Giappone, dall’Iran, dalla Costa d’Avorio, dall’Eliseo, da Gaza, dal Libano e ora dall’Ossezia del Sud.
A ottobre, sarà al festival di Internazionale a Ferrara.
Ah...il mio Internazionale delle meraviglie!
by Cat

P.S.Per sapere come si vive in Ossezia del Sud leggete il suo ultimo reportage!



N.B. Ho "preso" le Immagini di questo post direttamente dal sito di Chappatte: globecartoon.com

Patrick Chappatte

11.8.09

E' bello se puoi arrivare in un posto dove trovi te stesso.

Tonino Guerra

9.8.09

Prime impressioni sul campo di Paganica


Venerdì, 7 agosto
Sono venuto, come volontario della Protezione Civile, a lavorare nel Campo Umbria di Paganica (AQ) per aiutare concretamente la popolazione terremotata di L'Aquila, la città dove sono nato, e anche per vedere coi miei occhi come stanno le cose, dopo avere letto al riguardo tutto e il contrario di tutto. Sette giorni è un piccolo periodo, ne so quindi ancora poco, però decisamente più di prima.
Ho fatto un po' di domande, ho soprattutto ascoltato e osservato: i racconti dei cittadini senza casa che avevano voglia di parlare, quelli del capocampo e degli altri volontari che erano già stati qui e potevano confrontare le loro diverse esperienze; ho partecipato anche all'incontro che il Sindaco Cialente ha fatto con gli abitanti di Paganica presso il campo di rugby qualche giorno fa. Ho captato sia tensioni che speranze, sia malumore che gratitudine, sia dignità che malignità, sia disponibilità che remissività ecc. Mi ha colpito ad esempio scoprire che chi sta in tenda chiami chi ha preferito trovare rifugio negli alberghi costieri "quelli che stanno al mare", con una certa sfumatura di spregio. Ho fatto un bagno d'umanità, dunque di contraddizioni.
E tutto sommato ho ricavato conferme alle idee che mi ero fatto. Purtroppo il terremoto abruzzese è diventato anche un terreno di coltura per contrapposizioni politiche, campanilismi e divisioni sociali. Forse sbaglio, ma la mia (prima) impressione e che di fatto sia stata messa in messo in moto una macchina (misure d'emergenza della Protezione Civile e strategie più vaste del governo), efficiente quanto si voglia, in grado però di strappare tra i suoi ingranaggi ulteriormente il tessuto sociale locale già abbondantemente sfilacciato dalle conseguenze del sisma (perdita della casa e/o del lavoro in primis): tra i terremotati è diffusa la sensazione che tra loro ci siano quelli di serie A, quelli di serie B ecc. ben più di quanto sarebbe naturale aspettarsi.
I media e le persone di parte partecipano a questo gioco al massacro: chi vuole lustrare il governo mette in luce solo i lati positivi della gestione dell'emergenza abruzzese, chi vuole coglierlo in castagna enfatizza solo le ombre e le disfunzioni del dopo-sisma.
Potrei sintetizzare la mia posizione così: si poteva fare di meglio? certo. Ma si poteva fare anche di peggio? senz'altro. Lasciamo dunque cadere le partigianerie e auguriamoci che si lavori veramente col cuore e tutti insieme, l'Italia per l'Abruzzo e gli abruzzesi per loro stessi.
Domani a quest'ora sarò in partenza per Perugia. A presto.

P.S. Nella foto il "quartiere" Piazza del Capo Accoglienza Umbria di Paganica, scattata al tramonto dalla mensa.
by Daniele Passerini (Caterpillar 3)

Fonte:
22passi.blogspot.com

8.8.09

...mutazioni...

x1 = A*sen (ωt), x2 = A*sen (ωt + γ)


...ho già scordato la mia dimensione...e forze sconosciute mi strappano da me...

28.7.09

Il giro del mondo in mp3

photo by Riflettendo

L'ho detto e lo ripeto: Internazionale è la mia piccola scatola delle meraviglie!
In questo post ci consigliano di scoprire nuove rotte musicali...buon viaggio!
by Cat
P.S. Tempo fa consigliavo un altro servizio online dedicato alla musica, si chiama deezer.

Utne Reader segnala un blog che è come una lunga vacanza in posti poco ovvi: Root Hog or Die offre una quantità enorme di file audio di musica non necessariamente pop dai quattro angoli del pianeta.
Il Marocco e il Wisconsin meritano una gita, ma anche l’Ossezia, l’Afghanistan, la Cambogia, il Paraguay, lo Zimbabwe e decine di altri paesi. Tutta musica da ascoltare o scaricare gratis. Anche se ci vorrebbero dei mesi.

18.7.09

Auguri Mandela (dal mio Internazionale delle meraviglie)

"È inutile, non ce la faccio" (Zapiro)


Come festeggiare il novantunesimo compleanno di uno degli uomini viventi più ammirati e amati al mondo? Solo Nelson Mandela poteva pensare qualcosa del genere.
“Sono onorato all’idea che sia stato indetto un Mandela Day da celebrare ogni anno. La nostra battaglia per la libertà e la giustizia è stata una lotta collettiva. E il Mandela Day non dev’essere diverso. Creare un mondo migliore è un compito che spetta a ciascuno”. Così, ha proposto che il 18 luglio ciascuno dedichi agli altri 67 minuti (come i suoi 67 anni di attività politica).

Il Mail & Guardian celebra Madiba a modo suo, con una raccolta delle migliori vignette di Zapiro dedicate a Mandela.

15.7.09

l'ora muta delle fate...

Nel ventre della Grande Madre
I pleniluni raccontano il Pulo
Organizzazione: Consorzio Polje (www.pulodimolfetta.it)

Consiglio a tutti quest'incantevole incantata rassegna.
Incantevole sì, ma di grande impatto (si dovrebbero fruire così tutti i nostri tesori naturali e artistici)!
Domenica, avvolta in un bozzolo di profumi e cullata dai mille suoni della vita che vive, ho vissuto
l'ora muta delle fate (capendo, forse, che cosa volesse dire Fossati).
Ho lasciato a casa la macchina fotografica perché volevo acciambellarmi, immergermi tutta intera in questo grembo selvatico e accogliente.
Ho visto il tempo fluire al ritmo del mio respiro...
...forse davvero ancora c'è tempo, c'è tempo, c'è tempo per tutto questo mare infinito di gente...
by Cat



Sul Pulo


Il Pulo è una depressione carsica di forma ovoidale, con un perimetro di circa 600 metri e una profondità di 30 metri. Dista meno di due chilometri da Molfetta (provincia di Bari).


Si tratta in particolare di una dolina di crollo, originata cioè dal collasso della volta di una grande cavità sotterranea.
Le pareti del Pulo sono costellate di numerose grotte, disposte su più piani e spesso tra loro comunicanti. La loro genesi è naturale, anche se l'uomo, utilizzandole nel tempo come riparo, le ha adattate alle sue specifiche esigenze.


Le prime ricerche archeologiche risalgono ai primi del '900.
Interessantissima e plurimillenaria la frequentazione antropica dell'area del Pulo.
Già nel corso del VI millennio, in epoca Neolitica, sui fianchi del Pulo viveva una comunità stabile organizzata in villaggio, dedita all'agricoltura e all'allevamento. Con alcune interruzioni l'insediamento neolitico si protrasse fino al IV millennio (a questa data fanno riferimento alcune delle numerose sepolture a fossa rinvenute).
Pur meno consistenti, molto significative sono anche le tracce della successiva frequentazione dei siti nell'Età dei Metalli (III - II millennio a.C.).
Di rilevante valore storico-culturale sono anche le testimonianze del successivo processo di antropizzazione del sito. In primo luogo il
Monastero dei Cappuccini, costruito nella prima metà del '500 sul ciglio occidentale del Pulo, articolato in spazi aperti e chiusi.
La seconda emergenza storico-architettonica presente costituisce un raro esempio di archeologia industriale: si tratta infatti di una nitriera realizzata nella seconda metà del XVIII secolo dai Borboni, su un piccolo pianoro artificiale ad un livello intermedio della depressione.


Sul fondo c'è l'impianto di estrazione, munito di grandi vasche per lo stoccaggio.



Il Pulo è caratterizzato da un'interessantissima commistione tra vegetazione spontanea e piante introdotte dall'uomo nel corso dei millenni. La trasformazione della vegetazione originaria ha avuto infatti inizio già nel Neolitico, in seguito all'avvento dell'agricoltura primitiva, caratterizzata dalla preparazione del terreno mediante il fuoco e la successiva semina. Le colture dapprima erbacee (leguminose e cereali) e solo in un secondo momento arboree (vite, mandorlo, olivo, melograno, il fico d'india, etc.), hanno profondamente e soprattutto progressivamente mutato l'aspetto vegetazionale originario.
Da qualche decennio la vegetazione ha avviato una nuova progressione evolutiva, ancora in atto, caratterizzata dalla distribuzione delle specie tipiche della macchia mediterranea in funzione delle condizioni microclimatiche delle differenti aree. Il processo evolutivo è più avanti nelle aree marginali della dolina, dove è molto diffuso l'alloro, insieme al biancospino e al viburno tino, associati a numerose piante erbacee e lianose, mentre il fondo pianeggiante, coltivato da tempo immemorabile e abbandonato più di recente, è caratterizzato dalla diffusione di piante erbacee e da alcuni sporadici arbusti termofili quali il lentisco.

photoS by: terre del mediterraneo, ruotaliberabari e la mia Molfetta

Info sul Pulo:

culturaitalia.it

argonauti.org

ruotaliberabari.it

lamiamolfetta.blogspot.com

Se voleste immergervi virtualmente nel Pulo vi rimando al satellite:
www.bing.com/maps

c'è tempo c'è tempo c'è tempo c'è tempo c'è tempo per questo mare infinito di gente...

*

Add to Technorati Favorites